Il Commercio Equo e Solidale è un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove giustizia sociale ed economica, sviluppo sostenibile, rispetto per le persone e per l’ambiente, attraverso il commercio, la crescita della consapevolezza dei consumatori, l’educazione, l’informazione e l’azione politica.
Il Commercio Equo e Solidale è una relazione paritaria fra tutti i soggetti coinvolti nella catena di commercializzazione: dai produttori ai consumatori.
(Dalla Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale)

I principi del fair trade

Oggi il Commercio Equo e Solidale è definito in Italia dall'Associazione Equo Garantito (evoluzione di AGICES, Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale).

Scarica e leggi la Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

wfto logoEquo Garantito aderisce a WFTO, organizzazione mondiale del commercio equo e solidale
Approfondisci su www.wfto.com (in inglese)
e www.fto-europe.org

Produttori e progetti che puoi trovare a Zucchero Amaro

Altromercato

mappa produttori altromercato 180
Guarda la mappa dei produttori


interviste produttori altromercatoAscolta la voce dei produttori
(interviste pubblicate sul sito Altromercato)

Liberomondo

coop LiberoMondoLiberoMondo, cooperativa sociale di tipo B, nei propri laboratori in Piemonte produce alimentari equosolidali, inserendo nel mondo del lavoro persone provenienti da situazione di disagio sociale o diversamente abili.

Guarda i video sul Canale Youtube

Equolink. Un laboratorio di cooperazione equosolidale

equolinkLeggi sul sito di Ravinala

Sfoglia il sito di Equomercato

Guarda il progetto Trame di Storie di Altraqualità

Progetti genovesi. La Bottega Solidale

tunisia fair designTunisia Fair Design. Design sostenibile e commercio equo e solidale.
Sfoglia il catalogo sul sito di La Bottega Solidale

O'Press. Canzoni oltre le sbarre. L'equosolidale col laboratorio artistico e sociale dei detenuti nel Carcere di Marassi.
Leggi sul sito

Conosci l'origine del nome "commercio equo e solidale?

Nel 1987, dopo le prime esperienze a Bressanone e Bolzano, Rudi Dalvai, Heini Grandi e Antonio Vaccaro fondano una società a nome collettivo per l'importazione e la distribuzione di prodotti "Fair Trade". E' Antonio a coniare il termine "Commercio Equo e Solidale" traducendo l’espressione inglese usata fino ad allora. La doppia aggettivazione, che non  esiste nella definizione inglese, intende evidenziare i concetti di giustizia sociale, equità e solidarietà.

Dice Antonio: “La solidarietà senza equità – che implica una relazione sociale – finisce con il trasformarsi in carità. E la carità non produce trasformazione, non cambia lo stato delle cose. D’altra parte l’equità senza la solidarietà ovvero senza la fratellanza diventa un senso astratto di giustizia, una giustizia vuota perché non calata in una dimensione sociale”.

Guarda la videointervista (youtube, novembre 2013) a Rudi Dalvai e Heini Grandi, nell'anniversario dei primi 25 anni di commercio equo in Italia.

Sostienici!

5 mille5 x 1000 buone ragioni per sostenere il commercio equo e solidale e Zucchero Amaro.
Leggi >>

Seguici su Facebook

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e riceverai periodicamente notizie sulle nostre attività
* obbligatorio
I tuoi dati saranno conservati nel rispetto delle norme di legge e non saranno comunicati a terzi
Please wait
Il sito utilizza cookies solo per funzioni tecniche e per statistiche anonime (Google Analytics: > approfondimenti. Non attiviamo funzionalità che interferiscano con quello che decidete di vedere.
Se preferite comunque non memorizzare cookies, potete usare la "navigazione anonima" del vostro browser.